Passa al contenuto principale
Topic: Problema minimo alto e vibrazioni motore [risolto] (Letto 8049 volte) Topic precedente - Topic seguente
0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Problema minimo alto e vibrazioni motore [risolto]

Per l'ennesima volta ho il minimo alto.
Per rendere partecipi chi può, come me, riscontrare questo problema vi indico prima i sintomi, la causa e la soluzione finale, che non è stata semplice da trovare tra l'altro.

Il motore riscontrava dei leggeri sussulti soprattutto in decelerazione a bassissimi regimi e al minimo da fermo.
Questo faceva presupporre a qualcosa sull'accensione, es: una candela andata.

Poi pian piano la vibrazione al minimo è andata via via aumentando denotando una leggera instabilità fino ad arrivare ad un valore di circa 1500-1800 giri.
Questo diventa evidente al minimo agli stop in quanto la macchina vibra discretamente e soprattutto consuma tanto.

Esternamente a finestrini aperti si sente poi un soffio insistente proveniente dal motore.

Male diagnosticato: lateralmente o da qualche parte del collettore di aspirazione c'è una falla, al 99% la guarnizione non ha tenuto, che fa entrare aria fuori controllo dal motorino di minimo direttamente sul condotto di aspirazione di uno dei pistoni.

Cosa causa: poichè i motori a benzina accelerano in condizioni di afflusso di più aria, al minimo il motore tira e dal foro della guarnizione fa passare molta più aria del necessario.
Questo fa si che 3 pistoni vadano a regime normale, 1 cerca di accelerare con miscela "MAGRA".
In condizioni di accelerazione sparisce la vibrazione.

Se non si ripara cosa succede:
Se si tralascia il minimo tenderà a salire ancora, sui 2000-2200 giri.
In queste condizioni l'auto diventa pericolosa in quanto in caso di frenata con freno motore questa non frenerà ma soprattutto togliendo gas dovrebbe creare una depressione che fa funzionare il servofreno.
Però il regime più alto non lo aziona e il freno può diventare più duro e la frenata diventare difficoltosa.
Questo innesca fenomeni di rischio elevato.

Soluzione: occorre smontare farfalla, connettori e tutto il collettore, dopo di che sostituire la guarnizione (che costa sui 30 euro se non ricordo male).
Si consiglia di mettere uno strato di pasta "NERA" apposita per creare una guarnizione più resistente.
Se si è rotta può essere un difetto del collettore e quindi potrebbe rompersi di nuovo.

Costo lavoro: a me occorrono circa 2 ore per smontare e circa 2 ore per rimontare, se tutto va bene, la prima volta ci ho messo quasi 3 ore per operazione, probabilmente dopo la 3° volta ci metterò 1,5 e 1,5 ore.

Saluti a tutti