Passa al contenuto principale
Topic: Wastegate Actuator  (Letto 2108 volte) Topic precedente - Topic seguente
0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Wastegate Actuator

Si procede con perseveranza e determinazione a completare il progetto. Arrivato oggi : Forge Motorsport Wastegate Actuator for 2.0T 2010-2012 Genesis Coupe.
salvo

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 1
Ottimo... attenzione, ricordo che qualcuno l'ha fatto e si è trovato in difficoltà nella messa a punto, quindi ha sostituito le varie molle fino a trovare quella che lavorava meglio con la centralina.
Ma credo che tu abbia già le idee chiare e quindi in attesa di tue news .... buoni km rampanti! ^_^

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 2
Ottimo... attenzione, ricordo che qualcuno l'ha fatto e si è trovato in difficoltà nella messa a punto, quindi ha sostituito le varie molle fino a trovare quella che lavorava meglio con la centralina.
Ma credo che tu abbia già le idee chiare e quindi in attesa di tue news .... buoni km rampanti! ^_^
Grazie MasterPc , con questo attuatore per la wastegate con molle itercambiabili e la BOV con le stesse caratteristiche sono pronto per eventuale mappatura della centralina : piccola difficoltà devo solamente da Palermo arrivare a Bergamo.
salvo

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 3
Grazie MasterPc , con questo attuatore per la wastegate con molle itercambiabili e la BOV con le stesse caratteristiche sono pronto per eventuale mappatura della centralina : piccola difficoltà devo solamente da Palermo arrivare a Bergamo.

Per il viaggio è una bella sfacchinata via strada ( provata in prima persona ) , prova con il traghetto fino a Genova o mal che vada fino a Salerno

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 4
Urca... da palermo.
Direi che un traghetto sia l'ideale.
Magari sfruttando l'occasione per una vacanza e unisci l'utile al dilettevole ;)
Ma certamente non è una passeggiata!

Tienici aggiornati che ci fa piacere :)

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 5
Montato il nuovo attuatore FORGE della wastegate. Ora aspettiamo non Godot ma Carburatori Bergamo !
In allegato qualche foto dell'attuatore originale smontato.
salvo

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 6
La molla giusta è quella di colore viola, poi occorre regolare il braccio partendo dal punto morto ossia il punto in cui locchiello del braccio scende perfettamente sul pirulino della turbina, dopo di ciò effettuare 3 giri da 360 gradi avvitando in modo da creare precarico della molla.
n.b. la molla viola da 13 psi codice FMAS049PS  è venduta separatemente e non col kit di molle, occorre contattare FORGE.
Se l'auto nn è mappata usa la molla verde con i 3 giri da 360.

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 7
La molla giusta è quella di colore viola, poi occorre regolare il braccio partendo dal punto morto ossia il punto in cui locchiello del braccio scende perfettamente sul pirulino della turbina, dopo di ciò effettuare 3 giri da 360 gradi avvitando in modo da creare precarico della molla.
n.b. la molla viola da 13 psi codice FMAS049PS  è venduta separatemente e non col kit di molle, occorre contattare FORGE.
Se l'auto nn è mappata usa la molla verde con i 3 giri da 360.
Caro Genesis85 ti ringrazio per il tuo suggerimento , ma avendo smontato io stesso l'attuatore e montato il nuovo non ho notato precarico. Tu alludi con i 3 giri da 360° al tutorial che circola in rete ? Pensi che sia safety per il motore ? fammi sapere.
salvo

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 8
In relazione alla possibilità di regolare  il braccio dell'attuatore della wastegate ho trovato in rete questo interessante articolo che condivido con voi per ulteriore approfondimento .

- Ci sono due modi di utilizzare l’attuatore ad alta pressione della wastegate sulla HGC 2.0T per configurare la spinta del turbo
 Opzione 1: Fissare il controllo della spinta del turbo.
 Questo comporta l’uso dell’attuatore per richiedere un livello fisso di pressione. Per esempio, si può aggiustare la lunghezza del braccio dell’attuatore per raggiungere i 12 psi. Così facendo il valore minimo e quello massimo di pressione del turbo coinciderebbero (12 psi) tutte le volte che si spinge a tavoletta l’acceleratore. In questo scenario, bisogna disabilitare il controllo da parte dell’ECU dell’attuatore della valvola wastegate attraverso il solenoide. Ciò è possibile ruotando il regolatore del segnale di pressione della wastegate sul lato del compressore bypassando il solenoide di controllo della pressione. Si può lasciare inserito lo spinotto del solenoide, ma non eseguire il controllo di "pressione/vuoto" del tubo con il solenoide stesso.
Uno dei maggiori benefici di questo approccio è la prevedibilità. Con la pressione settata meccanicamente, il livello di spinta è sempre lo stesso, qualunque sia la temperatura del motore, la marcia inserita e la condizione climatica.-
salvo

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 9
Quindi se si volesse optare per la registrazione del braccio dell'attuatore della wastegate ( i famosi 3 giri di 360 gradi ), si dovrebbe poi disabilitare il controllo da parte dell'ECU dell'attuatore, agendo sul solenoide. Le due operazioni non sono roba tipo  " fai da te " , ma richiedono una notevole conoscenza  del funzionamento di un motore turbo e della sua elettronica. 
salvo

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 10
Quindi se si volesse optare per la registrazione del braccio dell'attuatore della wastegate ( i famosi 3 giri di 360 gradi ), si dovrebbe poi disabilitare il controllo da parte dell'ECU dell'attuatore, agendo sul solenoide. Le due operazioni non sono roba tipo  " fai da te " , ma richiedono una notevole conoscenza  del funzionamento di un motore turbo e della sua elettronica.

Quindi tu come lo hai settato il braccio e che molla hai utilizzato?

Re:Wastegate Actuator

Risposta n. 11
Quindi tu come lo hai settato il braccio e che molla hai utilizzato?
Per adesso l'ho settato OEM  con molla verde ( standard ). La macchina va bene, lineare e progressiva. Non voglio fare esperimenti, ho tutto quello che serve per rimappare, compresa la molla da 13 psi ( colore viola) . Appena possibile andrò presso Carburatori Bergamo. Un saluto
salvo